DEFINIZIONE DELLA FOTOGRAFIA BOUDOIR

Pubblicato da Redazione Notizie.it - il 11 maggio 2011 23:04

Condividi questo articolo

Commenta

La fotografia boudoir è un genere di fotografia che coinvolge i soggetti femminili in pose sessualmente allusive o sensuali.

L’articolo prosegue dopo il video

È distinta dalla fotografia erotica nella sua enfasi sulle qualità estetiche del soggetto e sull’abilità del processo fotografico sulla natura sessualmente stimolante dell’immagine.

ORIGINE DEL TERMINE
La parola boudoir è stata usata nell’arco della storia come il nome delle varie stanze – o parti di stanze – usate dalle donne. Il termine è sempre collegato alla camera da letto e concerne uno spazio privato. È stato utilizzato per riferirsi ad uno spogliatoio, una camera da letto o un salotto dentro alla stessa. Questi usi hanno condotto alla moderna e breve definizione della fotografia boudoir come “la fotografia da camera da letto”, nonostante questa fotografia possa collocarsi in una varietà di ambienti.
Boudoir è derivato dalla parola francese bouder che significa “fare il broncio”
CARATTERISTICHE
Vi sono molti elementi che possono essere utilizzati per identificare la fotografia boudoir, sebbene nessuno di essi siano esclusivi o garantiscano che una foto sia classificata come boudoir. Generalmente il soggetto è in qualche modo nudo, se indossa qualcosa in qualche modo rivelante come un vestito lungo o perfino seminudo, forse oscurato da un oggetto nella stanza o nascosto da un angolo della macchina fotografica. Come tale, molte fotografie boudoir giocano sull’dea di stuzzicare il soggetto, suggerendo più di ciò che viene effettivamente mostrato. Questa è un’importante distinzione dalla fotografia erotica, dove l’enfasi è più sullo svelamento.
La fotografia boudoir è spesso collocata in un ambiente idealizzato, quale una camera da letto elegantemente decorata oppure in un bellissimo spazio all’aperto. La fotografia boudoir è spesso commissionata dal soggetto come dono per un amante o coniuge, quindi sono anche comuni ambienti personali quali l’effettiva camera da letto del soggetto.
SOGGETTI
Le donne che recitano come soggetti per la fotografia boudoir sono tutt’altro che modelle professioniste.
Queste donne di tutti i giorni sono spesso messe in posa dai fotografi o da un assistente per sembrare naturali e a proprio agio. Le foto boudoir possono essere ritoccate ma non sono soggette all’aerografo e alla manipolazione digitale come la fotografia erotica commerciale. L’idea è quella di lasciare che alcuni difetti dei soggetti rimangano visibili come mezzo dell’aumentare il realismo dell’immagine. I soggetti del boudoir possono differire per età e aspetto dai soggetti idealizzati della fotografia erotica e costituisce un gruppo differente che è in rapporto con la popolazione generica.
STORIA
Sebbene il termine sia entrato al presente in un tempo successivo, la fotografia boudoir è vecchia quanto i primi processi fotografici. Raffigura elementi di stampa e dipinti sensuali che erano distinti – tuttavia correlati – dall’arte erotica.
La fotografia boudoir divenne popolare con l’inizio dei nuovi metodi di stampa commercialinel XX secolo e fu dovuto maggiormente alla moda delle pin-up degli anni Quaranta e Cinquanta.

LA FOTOGRAFIA BOUDOIR OGGI
Oggi, come molte industrie e forme d’arte, la fotografia boudoir è cambiata tramite internet.
I fotografi boudoir locali pubblicizzano i loro servizi come raffinati e discreti, lanciando sul mercato principalmente donne di classe media ed elevata. Molti utilizzano la fotografia boudoir come supplemento ad altro lavoro fotografico.

Guarda anche questi siti

Rispondi